PAGELLE ITALIA U16 vs AUSTRIA U16 1-1 - Desplanches affidabile. Cepele concreto

di Alessandro Paoli
Vedi letture
© Getty Images
© Getty Images

DESPLANCHES, voto 6,5 - Limita il passivo a discapito della sua squadra, specialmente nel primo tempo, risultando incolpevole in occasione del gol subito.

ZANOTTI, voto 6 - Pattuglia diligentemente la fascia destra commettendo un'unica sbavatura, degna di nota, in fase difensiva (dal 54' MULAZZI, voto 6 - Subentra a Zanotti giocando disciplinatamente lungo l'out di destra).

MORASCHI, voto 5,5 - Macchia indelebilmente la sua prestazione, altrimenti sufficiente, commettendo un ingenuo fallo da rigore ai danni di Huskovic.

CEPELE, voto 6,5 - Conferisce concretezza alla retroguardia azzurra conquistando, con una sponda aerea di testa, il rigore dell'1-1 azzurro.

CERESOLI, voto 6 - Percorre regolarmente la corsia di sinistra badando più ad attaccare che a difendere.

PISAPIA, voto 5,5 - Interpreta generosamente il ruolo di mezzala non creando grossi pericoli alla retroguardia austriaca (dal 54' MIRETTI, voto 6 - Sostituisce Pisapia propiziando, con un calcio di punizione dalla fascia sinistra, la conquista di un calcio di rigore).

BERTO, voto 6 - Ricopre il ruolo di mediano davanti alla difesa distribuendo accademicamente il gioco.

FABBIAN, voto 5 - Fatica palesemente ad entrare in partita subendo, per lo più, l'intraprendenza degli avversari (dal 41' CASADEI, voto 6 - Prende il posto di Fabbian disputando una prestazione diligente in mezzo al campo).

ZUCCON, voto 6 - Salva la sua prestazione, altresì insufficiente, realizzando, con un potente destro rasoterra ad incrociare, il rigore del definitivo 1-1.

MAGAZZÙ, voto 5,5 - Cerca affannosantemente la via del gol conquistando e fallendo un calcio di rigore.

ROSA, voto 5 - Deambula lungo l'intero fronte d'attacco azzurro rendendosi protagonista di una prova decisamente anonima (dal 41' GNONTO, voto 5,5 - Subentra a Rosa offrendo una prestazione inizialmente vivace e ben presto evanescente).

All. ZORATTO, voto 6 - Strappa un pareggio a sei minuti dallo scadere evitando alla sua Italia, quest'oggi piuttosto povera di idee, l'onta della sconfitta.